PITO E CINCILLÀ

Arfren

A lo ciamavo Vigio ‘l Drito

L’era pròpi dës-ciolà

Con l‘anlevament dij pito

Chiel a l’avìa trovà na stra!

Era nato in Borgata Regio Parco

Fin da piccolo a l’avìa travajà

A l’avìa la mania del risparmio

Per non spendere a gratava fin-a ‘n ca

E per questo suo vizio maledetto

Era noto alle questure di ogni dove

Era ospite, ogni tanto, delle Nuove

Ma a l’era ‘n drito stimà e rispetà.

Arfren

Un bel dì notò quell’inserzione

“per far grano allevate i cincillà”

Vide chiaro nella speculazione

E allevatore divenne là per là

Coi risparmi di una vita di grattaggio

Comperò di cincillà trecento uova

“istruzioni gradi trenta per la cova

Ed in maggio schiuderanno i cincillà!”

Arfren

Al dischiudersi dell’ova in quel di maggio

A l’é vëddusse sauté fòra tërzent pito

Ma era un drito e non si perse di coraggio

E allevatore di pito diventò

Ora il Vigio è diventato un gran signore

Vende ij pito nei Supermerk della città

Ma un assillo gli è rimasto in fondo al cuore

“Ma pòrca l’òca, ma com’a l’é fàit un cincillà?”

Arfren

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.