Giovanni Ruffino

Giovanni Ruffino durante la presentazione di Arte Ci Pare al Centro Polifunzionale – Nuovo Foro Boario di San Damiano

Giovanni Ruffino, nato a Pinerolo nel 1967. 

Cantautore piemontese, chitarrista e contrabbassista.  Rappresentante della sua Cultura Alpina e della Lingua Piemontese che contribuisce a preservare e a mantenere viva. Compone i suoi testi in Italiano e/o in Piemontese.

Fine conoscitore della canzone d’autore Italiana e Francese da cui trae spunto per le sue creazioni musicali e poetiche.

Molto conosciuto in Francia per le sue interpretazioni di Georges Brassens in Piemontese che ha tradotto assieme a Roberto Rivoira nel più grande rispetto dell’”Esprit Brassens”, alla stessa maniera preciso,  poetico e mordace.

Nel 2012 con il gruppo “Vietraverse” di cui è uno dei fondatori ottiene il primo premio della critica al “Tremplin Brassens 2012” di Parigi con il cd “95% Brassens”.

Nel 2018 è uno dei fondatori del trio “Sans Bagage” con il fisarmonicista Pascal D’Ougy e la cantante Martine Bousquet; realizza gli arrangiamenti per chitarra e fisarmonica del repertorio della cantante Barbara per la tournèe 2018/2019 nei villaggi dell’Herault organizzati da “Gli Amici della Canzone Francese”.

Le composizioni originali di Giovanni Ruffino sono inserite in un contesto musicale che appartiene a lui solo e che lui narra essere “fra il jazz e la musica classica contemporanea”: sono melodie lavorate, create per testi poetici ed eseguite con una voce grave e profonda e un’interpretazione autentica. Esigente nel suo lavoro, Giovanni Ruffino non fabbrica a tavolino, ma è ben presente con forza, convinzione e dolcezza allo stesso tempo.

In Francia partecipa a numerosi festival e manifestazioni: Festival Brassens de l’Argentière-La Bessèe, Festival “22 V’la Georges” a Sète, Théatre de la Mer, Espace Brassens, “Chansons et toiles” a Sète.

Collabora con numerosi artisti come Daniela Soave Vighesso, Piero Ponzo, Davide Di Rosolini e accademici come Isabelle Felici, professoressa di Studi Italiani all’Università Paul Valéry di Montpellier 3 per la questione delle traduzioni dei testi di Georges Brassens (opera in preparazione).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *