Ël bilansi dël prim ani – Il bilancio del primo anno

E valà. Arte Ci Pare a l’é rivà a fé n’ani ‘d vita. An vrità, i rivoma na frisa an ritard për festegé përchè che la presentassion ufissial a l’era stàita fàita ai 12 ëd gené dël 2019 ma i spero ch’im përdonereve… Tante còse a son capità an cost prim ani ch’a dovìa dene lë slans për fene conòsse e che nopà a l’han fàit motobin ëd pì. I l’oma contà almanch na dozen-a ‘d presentassion. I l’oma trovà, përdoneme l’aparent contradission, doe sconde ca: un-a a Turin, an cors Casal, an cola fiamenga realtà ch’a l’é la S.O.M.S. De Amicis con Giorgio, Giovanni e tuti j’àutri amis a acheujne com’ant na famija; e l’àutra a Salusse con nòsta vulcanica sòcia Angela Delgrosso ch’a l’ha duvertane sò Spazio Culturale Piemontese e a l’ha dane n’iniession fondamental d’entusiasm. A son tanti ij moment ch’a ventrìa arcordé. Quaidun për tuti: l’emossion ëd la prima surtìa publica a San Damian. Cola ch’a l’han regalane Liaqat Kasemi e Carlo Bosso a la presentassion ëd “Cara mamma ti prometto che tornerò presto”. L’orgheuj ëd parlé dij piemontèis ant ël mond con Giancarlo Libert. La gòj ëd fé scoté doe neuve vos ëd la canson d’àutor piemontèisa coma Isa e Giovanni Ruffino, ma ‘dcò ‘d vëdde la sala pien-a për Roberto e Piergiorgio Balocco. E i më scuso se i rivo nen a nominé tuti. Tra tante còse bele, belavans, com’a capita an tute le famije, i l’oma ‘dcò avù tre deul (bele se doi nen diret, ma gropà a le famije ‘d nòsti fondator) ch’a l’han ëdcò fane passé ‘d moment ëd tristëssa. N’associassion viva, donca. Con tanti amis ch’a l’han seguine an costi mèis. Con tante ideje për l’avnì. I l’oma damanca ‘d tuti. Stene tacà. E, come sèmper… I vë spetoma, eh!

E voilà. Arte Ci Pare è arrivata a compiere un anno di vita. In verità, arriviamo con un po’ di ritardo perché la presentazione ufficiale era stata fatta il 12 gennaio del 2019, ma spero mi perdonerete. .. Tante cose sono capitate in questo primo anno che avrebbe dovuto darci lo slancio per farci conoscere e che invece hanno fatto molto di più. Abbiamo contato almeno una dozzina di presentazioni. E abbiamo trovato, perdonatemi l’apparente contraddizione, due seconde case: una a Torino, in Corso Casale, in quella magnifica realtà che è la S.O.M.S. De Amicis con Giorgio, Giovanni e tutti gli altri amici ad accoglierci come in una famiglia. L’altra a Saluzzo, con la nostra vulcanica socia Angela Delgrosso che ci ha aperto il suo Spazio Culturale Piemontese e ci ha dato un’iniezione fondamentale di entusiasmo. Tanti sono i momenti che sarebbero da ricordare. Qualcuno per tutti: l’emozione della prima uscita a San Damiano. Quella che ci hanno regalato Liaqat Kasemi e Carlo Bosso alla presentazione di “Cara mamma ti prometto che tornerò presto”. L’orgoglio di parlare dei piemontesi nel mondo con Giancarlo Libert. La felicità di far ascoltare due nuove voci della musica d’autore piemontese come Isa e Giovanni Ruffino, ma anche quella di vedere la sala piena per Roberto e Piergiorgio Balocco. E mi scuso se non arrivo a nominare tutti. Tra tante cose belle, purtroppo, come capita in tutte le famiglie, abbiamo anche avuto tre lutti (anche se due non diretti, ma legati alle famiglie dei nostri fondatori) che ci hanno anche fatto passare dei momenti tristi. Un associazione viva, dunque. Con tanti amici che ci hanno seguito in questi mesi. Con tante idee per l’avvenire. Abbiamo bisogno di tutti. Stateci vicini. E, come sempre, vi aspettiamo, eh!

Ij prim mèis dë storia d’Arte Ci Pare – I primi mesi di storia di Arte Ci Pare