Sèrcami

era una della “Fossano-Bene”, prof. di italiano…

incomprensione linguistica… difficile comunicare…

Rosa era bionda bionda, io ci dicevo giàna,

Dolce come la pana, subito s’arrabbiò…

“Caro, se tu mi amassi” … Mai che t’amasserèi…

“Non mi fai mai la corte”… Ma i j’oma nen ra cort (quint pian)

Gioia, sabato sera … cena dai Riccobon,

Faccio la giardiniera … Ti lassa a ca ‘l pinton…

Porto una mica o due … significando ‘l pan…

Cosa avrà mai capito? … Pace… lei mi lassiò…

         Sèrcami, sèrcami nella nebbia… sotto la mietitrebbia,

         nel reparto dei surgiassàti…

         Sèrcami, sono qui nella cròta… e son sempre pì an piòta…

         Do’ le spalle al burròn… (e bòn)

una volta tutta giuliva sulla spiaggia: ho preso una patella sullo scoglio…

… Su cosa vi basàte per il vostro rapporto? … Sul divàno… (pì còmod)

Quando il gattino Fufi … S’era barbato il mouse

Mi, ch’i j’era già ‘n pò stofi … i j’ava manch faje cas…

I j’heu bërbotà “s’arpìja” … torna o j’ha nen capì…

“Arpìa sarà tua madre” j’ha dime… Pace… lei mi lassiò…

         Sèrcami, sono qui nel tinello… spettinato ma bello…

         Se ci hai fame ti faccio due avances…

         Sèrcami, sèrcami fino in fondo, son costoso ma rendo…

         … se mi trovi… m’arèndo… la casa piena di gente, e lei l’elogiàva elogiàva… comprare le sedie di Des’àgn...

M’hai campàto via di casa, quinto piano, proprio adesso che imprendevo l’italiano

quando sono stato a piedi giù nel corso, mi viràvo ancora ‘ndré con grande sfòrso.

E ti vedo alla finestra che cincischi… la finestra che è volato il mangiadischi,

Mi saluti e squarci i nuvoloni tetri?… Non è vero… stava già lavando i vetri…

         La la la…

         ma non fare così… a casa nostra non s’incassava nemmeno la lavatrice…

         … Giana, Torna con Mi….  Sah, dài torna da Lui…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.