Doi ani ‘d vita… – Due anni di vita…

Oh già… A son giumai bele che doi ani che nòsta associassion a l’ha vist la lus! Na scomëssa che, adess i podoma dilo, a l’ha fonsionà. Bele se cola siagura, cola bruta ròba ch’a l’é rivane a còl costa prima a l’ha crasane fin-a ‘nt le miole i soma ‘ncora sì. Con le ferìe ch’a sagno e con le fòrse sota ij garèt ma i esistoma ‘ncora! Da na part ël magon d’avèj perdù, praticament, n’ani e, an pì, pròpi l’ani che a dovìa dene lë slans definitiv për fene conòsse e për fene fé ‘l sàut ëd qualità ch’i sustavo e ch’i l’avrìo verament vorsù për podèj giuté nosta lenga e nòsta coltura an manera ‘ncora pì concreta ‘d lòn ch’i l’oma fàit ant ël 2019. Nopà nen mach a l’é andà tut a rabel, ma ai 22 ëd magg a l’é ‘dcò rivane ‘n sla biòca la tremenda neuva dla perdita ‘d Giovanni Ruffino che con così tant entusiasm a l’avìa partecipà a la fondassion e con ël qual i j’ero an camin a travajé për porté Arte Ci Pare fin-a fòra dij confin regionaj con ël Festival Brassens che Giovanni a l’era n camin a pronté. Na perdita ch’a sarà impossobil da quaté! Për fortun-a, tutun, an costi mèis a-i é ‘dcò staje quaicòs ëd positiv e ch’ a l’ha dane la conferma ch’i soma an camin a fé quaicòs ëd bel e ‘d giust. Ad esempi la nassita dël Canal Youtube ch’a l’ha un sucess inimaginabil quandi, a la fin ëd mars, an pien lockdown, a l’é na, squasi për ëschers. O, miraco ancora pì important, la publicassion dël prim lìber, col d’Angela Delgrosso (ch’as conferma pedin-a insostuibil për ideje e ghëddo) che, bele se apen-a surtì, a promet motobin bin për le sodisfassion ch’an darà (ëdcò ant la version internassional ch’a surtirà da sì ‘n pòch). Còsa gionté? Gnente d’àutr che un gran mersì a tuti për la simpatìa con la qual i l’eve seguine, belessì ‘n sël sit, su Facebook e su YouTube. Continué a stene dapress. I soma an camin ch’i scàudoma ij motor për parte torna! I vë spetoma!

Oh già… sono ormai quasi due anni che la nostra associazione ha visto la luce! Una scommessa che, adesso possiamo dirlo, ha funzionato. Anche se quella sciagura, quella brutta roba che ci è arrivata addosso questa primavera ci ha sconvolto fino al midollo siamo ancora qui! Con le ferite che sanguinano e con le forze sotto ai tacchi, ma esistiamo ancora! Da una parte il magone d’aver perso praticamente un anno, e proprio l’anno che doveva darci lo slancio definitivo per farci conoscere e farci fare il salto di qualità che desideravamo e che avremmo davvero voluto per aiutare ancora di più la nostra lingua e la nostra cultura in maniera ancora più concreta di quello che abbiamo fatto nel 2019. Invece non solo è andato tutto a ramengo, ma al 22 di maggio ci è pure arrivata la tremenda notizia della perdita di Giovanni Ruffino che con così tanto entusiasmo aveva partecipato alla fondazione e col quale stavamo lavorando per portare Arte Ci Pare fuori dai confini regionali attraverso il festival Brassens che Giovanni stava organizzando. Una perdita che sarà impossibile da colmare! Per fortuna, tuttavia, in questi mesi c’è anche stato qualcosa di positivo e che ci ha dato al conferma che stiamo davvero facendo qualcosa di bello e di giusto. Ad esempio ila nascita del Canale YouTube che sta avendo un successo inimmaginabile quando, alla fine di marzo, in pieno lockdown, è nato, quasi per scherzo. O, forse ancora più importante, la pubblicazione del primo libro, quello di Angela Delgrosso (che si conferma pedina insostituibile per verve e entusiasmo) che, anche se appena nato, promette di darci delle belle soddisfazioni (anche nella versione internazionale che uscirà tra poco). Che altro aggiungere? Niente se non un grazia di cuore a tutti quelli che ci hanno seguito qui sul sito, su Facebook e sul Canale YouTube. Continuate a starci dietro. Stiamo scaldando i motori per ripartire. Vi aspettiamo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.