Ij prim mèis dë stòria d’Arte CI Pare – I primi mesi di storia di Arte Ci Pare

Bondi a tuti. Valà ‘l prim bilansi ‘d costa stòria, ch’a l’é giumai partìa da squasi eut mèis e a ‘ncamin-a a avèj quaicòs da conté. Da la prima surtìa a San Damian a j’11 ëd gené al concert d’Isa ai 21 ëd giugn, i podoma bin dì che quaicòs a l’é capitaje. Nen sèmper ëd bel, belavans. Guido ch’a l’ha lassane improvisament, sensa la possibilità ‘d salutelo, pròpi doi di dòp ëd la festa al Centro Polifonsional, ad esempi, a l’é stàita na patela bin malfé da digerì. Ma peui për fortun-a, maniman che ij mèis a passavo, ij randevó a son fasse costant e ‘l pùblich a l’ha ancaminà a stene dapress sèmper ëd pì curios. I l’oma fin-a trovà doe neuve ca. Un-a a Salusse, andoa nòsta amisa e neuva sòcia Angela Delgrosso a l’ha spalancane le pòrte ‘d sò fiamengh Spazio Culturale Piemontese, andoa i soma ormai òspiti fiss almanch na vira al mèis. E peui un-a aTurin an col giojelin ëd la Turin d’antan ch’a l’é la S.O.M.S. Edmondo De Amcis (mersì ancora a l’amis Bruno Pantano për la segnalassion!) andoa Giorgio, Giovanni e tuta la crica an fan sente ‘l gust (an tuti ij sens) ëd lòn ch’a l’é ‘l cheur dij piemontèis. Ant la presentassion ch’i l’avìa campà giù quandi a l’é nassuje ‘l sit, i sustava che nòsta stòria a s’anandieissa dosman, ma sensa fermesse. Adess, passà ‘n pòch ëd temp, i peuss dì ch’i soma an camin a fèjla. I l’oma tante ideje e tanti desideri da realizé e quaicòs a l’é an camin ch’a bogia, miraco dë scondion, ma concretament. Continué a stene da press. i soma mach al prinsìpi! Paulin Siròt

Ciao a tutti. Ecco qui un primo bilancio di questa storia che ormai partita da quasi otto mesi e inizia ad avere qualcosa da raccontare. Dalla prima uscita a San Damiano dell’11 gennaio al concerto di Isa del 21 giugno scorso, possiamo dire a ragion veduta che qualcosa è capitato. Non sempre di bello, purtroppo. Guido che ci ha lasciato improvvisamente, senza la possibilità di salutarlo proprio due giorni dopo la festa al Centro Polifunzionale di San Damiano, ad esempio, è stata una botta ben difficile da digerire. Ma poi, per fortuna, man mano che i mesi passavano gli appuntamenti si sono fatti costanti e il pubblico ha iniziato a seguirci sempre più in maniera curiosa. Abbiamo persino trovato due nuove case. Una a Saluzzo, dove la nostra amica e nuova socia, Angela Delgrosso, ci ha spalancato le porte del suo splendido Spazio Culturale Piemontese, e dove ormai siamo ospiti fissi almeno una volta al mese. E poi una a Torino, in quel gioiellino della Torino d’antan che è la S.O.M.S. Edmondo De Amicis (grazie ancora all’amico Bruno Pantano per la segnalazione!), dove Giorgio, Giovanni e tutta la banda ci fanno sentire il gusto (in tutti sensi!) di cos’è il cuore dei piemontesi. Nella presentazione che avevo buttato giù quando è nato il sito, esprimevo il desiderio che la nostra storia potesse avviarsi dolcemente ma senza soste.Adesso, passato un po’ di tempo, posso dire che ce la stiamo facendo. Abbiamo tante idee e tanti desideri da realizzare e qualcosa che si sta muovendo c’è già, magari di nascosto ma in maniera concreta. Continuate a seguirci. Siamo solo all’inizio. Paulin Siròt

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.